lunedì, Luglio 26, 2021

D’Amato: “Escludo la zona gialla per il Lazio”

ROMA – Per il momento il Lazio non corre il rischio di finire in zona gialla. “Escludo il Lazio in zona gialla perché siamo molto lontani...

ULTIM'ORA

Emilia flagellata dal maltempo, alberi caduti in strada e chicchi di grandine “come albicocche”

BOLOGNA – Feriti sulle strade modenesi per via del maltempo di queste ore. Nell’area nord, nella zona tra Carpi, Novi e Mirandola, nel pomeriggio...

A San Paolo del Brasile contestano gli schiavisti, statua in fiamme

di Bianca Oliveira SAN PAOLO – Manifestanti nel fine settimana hanno dato fuoco a una statua dedicata a Borba Gato, a San Paolo del Brasile. L’episodio...

Fao, Pre-vertice sui sistemi alimentari: obiettivo zero sprechi e zero fame

ROMA – Si è aperto oggi a Roma, nel quartier generale della Fao, il Pre-vertice sui sistemi alimentari. L’appuntamento guardaa al Vertice sui sistemi...

Nigra, il pezzo Lib-Dem di Azione che a Torino sceglie Damilano

TORINO –  Azione “si è spaccata, non si è divisa” sulla scelta di sostenere il centrosinistra capeggiato da Stefano Lo Russo. Questa è la...

La Federazione del Bridge scalpita: abbiamo tavoli più grandi, fateci tornare a giocare

di Pietro Tabarroni

BOLOGNA – Anche chi gioca a carte aspetta la riapertura. E non solo nei bar. La Federazione italiana gioco del Bridge (Figb), che conta quasi 300 associazioni per oltre 13.000 iscritti in Italia, guarda alla riapertura e si prepara alla ripartenza di partite in presenza, dopo un anno di stop dovuto all’emergenza Covid. Il mondo del bridge si unisce, così, alle tante realtà agonistiche paralizzate dalla pandemia che chiedono a gran voce di poter ripartire, garantendo la sicurezza degli sportivi.

“Noi siamo pronti anche domattina”, fa sapere in una nota Giuseppe Frenna, vicepresidente del comitato della Figb dell’Emilia-Romagna, elencando le misure apportate nelle sedi per garantire la sicurezza dei giocatori. “Ci siamo dotati di termoscanner e macchine sanificatrici e abbiamo ampliato i tavoli per garantire due metri di distanza fra le persone- spiega Frenna- la riapertura è importante per far ritrovare la socialità e mantenere il rapporto coi nostri soci”.

Il bridge, disciplina di coppia o di squadra che raccoglie circa 600 tesserati, otto associazioni e tre scuole nella sola provincia di Bologna, è stato riconosciuto dal Coni come sport nel 1993 ed è diventato, negli anni, materia scolastica extracurricolare in più di 200 istituti scolastici italiani. A Bologna, un progetto incentrato sul bridge è stato realizzato con i ragazzi delle scuole medie di Castel Maggiore, mentre l’Alma Mater ha presentato un doppio corso dedicato al gioco di carte, suddiviso fra teoria dei giochi e insegnamenti pratici, tenuto dagli studenti della Facoltà di Economia e Commercio. L’Università di Bologna e il suo Centro sportivo (Cusb) stanno inoltre ragionando sulla possibilità di avviare un progetto formativo e sportivo rivolto al gioco del Bridge, che rientri nell’ampia gamma di attività fornite dal Cusb stesso. “In Emilia-Romagna siamo sempre stati vicini all’intero mondo scolastico- dichiara Cesare Tamburrini, presidente del comitato regionale- e ci auguriamo che altri progetti possano aiutare al ringiovanimento dell’intero movimento”.

Intanto, in attesa della riapertura in presenza, la Federazione ha rilanciato i suoi corsi online di perfezionamento e introduzione alla disciplina, totalmente gratuiti. “Il ritorno a una parvenza di normalità sembra ormai vicino- commenta Francesco Ferlazzo Natoli, presidente della Figb nazionale- per questo rinnoviamo l’appuntamento con i corsi online, che sono un ottimo e valido strumento per continuare a coltivare la propria passione”. Per iscriversi ai corsi è sufficiente inviare una richiesta al sito corsi@federbridge.it.

LEGGI ANCHE: FOTO | Bologna sfoggia i ‘suoi’ partigiani: dodici ritratti sulle porte monumentali della città

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo La Federazione del Bridge scalpita: abbiamo tavoli più grandi, fateci tornare a giocare proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento

Latest Posts

Emilia flagellata dal maltempo, alberi caduti in strada e chicchi di grandine “come albicocche”

BOLOGNA – Feriti sulle strade modenesi per via del maltempo di queste ore. Nell’area nord, nella zona tra Carpi, Novi e Mirandola, nel pomeriggio...

A San Paolo del Brasile contestano gli schiavisti, statua in fiamme

di Bianca Oliveira SAN PAOLO – Manifestanti nel fine settimana hanno dato fuoco a una statua dedicata a Borba Gato, a San Paolo del Brasile. L’episodio...

Fao, Pre-vertice sui sistemi alimentari: obiettivo zero sprechi e zero fame

ROMA – Si è aperto oggi a Roma, nel quartier generale della Fao, il Pre-vertice sui sistemi alimentari. L’appuntamento guardaa al Vertice sui sistemi...

Nigra, il pezzo Lib-Dem di Azione che a Torino sceglie Damilano

TORINO –  Azione “si è spaccata, non si è divisa” sulla scelta di sostenere il centrosinistra capeggiato da Stefano Lo Russo. Questa è la...

Da Leggere

Gli operai della Whirlpool protestano al porto di Napoli, bloccati gli imbarchi

NAPOLI – Gli operai della Whirlpool di Napoli continuano a protestare in vista della procedura di licenziamento collettivo annunciata dalla multinazionale americana. In questo...

La Sipps fa rete con società scientifiche e imprese per aiutare le famiglie

ROMA – “Le famiglie italiane hanno bisogno di punti di riferimento, sicurezza. Sono impaurite, impoverite e vogliono conforto. Il pediatra deve essere il loro...

All’hub della Fiera di Genova salta la connessione: code e ritardi per vaccinarsi

GENOVA – Un problema informatico sta mandando in tilt questa mattina l’hub vaccinale della Fiera di Genova. Saltata la connessione a Internet, probabilmente a...

A Rebibbia incendiate due auto di agenti della Polizia penitenziaria

ROMA – Le auto private di due appartenenti al Corpo di Polizia Penitenziaria in servizio nel carcere di Roma Rebibbia sono state bruciate a...

Tunisia, il presidente destituisce il premier e sospende il parlamento “per salvare il Paese”

ROMA – Misure necessarie per “salvare la Tunisia”: è stata presentata con queste parole dal capo dello Stato Kaïs Saïed la decisione, comunicata ieri...