giovedì, Settembre 23, 2021

L’affondo di de Magistris: “Conte e M5s dalla parte di chi distrutto la Calabria”

REGGIO CALABRIA – “Conte ha fatto una cosa molto grave qualche tempo fa, parlando agli operatori economici di Milano, chiedeva una legge speciale per...

ULTIM'ORA

Le prime pagine dei quotidiani di Giovedì 23 Settembre 2021

LE PRIME PAGINE DEI QUOTIDIANI CORRIERE DELLA SERALA REPUBBLICAIL SOLE 24 ORELA STAMPAIL MESSAGGEROIL GIORNALEAVVENIREIL FATTO QUOTIDIANOIL MANIFESTOIL MATTINOIL SECOLO XIXIL GIORNOIL DUBBIOIL RIFORMISTALA DISCUSSIONECORRIERE...

Commercialisti, presentata a Napoli la lista “Cambiamo Insieme – Maurizio Corciulo Presidente”

In un incontro-dibattito è stata presentata ieri la lista “Cambiamo Insieme – Maurizio Corciulo Presidente” che si presenterà per le elezioni dell’11 e 12...

Longobardi (Fdi): “Necessaria una sinergia con le forze produttive” 

“La differenza tra la sinistra e la destra, passa attraverso una radicale contrapposizione di modelli culturali: loro inseguono il mito di una città antagonista,...

Gogliettino (Ancal): emergenza turismo, centralità delle politiche attive del lavoro

  Ministro Garavaglia: rimuovere le barriere che evitano l’incontro fra domanda ed offerta  “Il settore turistico, quale asset strategico per favorire lo sviluppo e la competitività...

Gli attivisti in Nigeria: “Rapire gli studenti venga considerato un crimine contro l’umanità”

ROMA – “Dobbiamo capire quale sarà il risultato delle operazioni militari in corso nello Stato di Zamfara, ma al momento è difficile dire che lo stop alle comunicazioni che è stato imposto alla popolazione risponda ai principi di proporzionalità e necessità richiesti dalla legge internazionale”. A parlare con l’agenzia Dire è Olúwádàre Kóláwolé, vicedirettore dell’organizzazione nigeriana Socio-Economic Rights and Accountability Project (Serap), nata nel 2004 per spingere il governo della Nigeria a impiegare gli strumenti del diritto internazionale nella lotta contro corruzione e disuguglianze.

Nello Zamfara, nel nord-ovest della Nigeria, è in vigore da quasi due settimane un blocco alle telecomunicazioni imposto dal governo. La motivazione ufficiale è “facilitare le operazioni militari” contro i gruppi armati che da mesi portano avanti attacchi e soprattutto rapimenti di studenti. Lo Zamfara, situato al confine con il Niger, è diventato l’emblema di un problema che colpisce con sempre maggiore intensità le regioni settentrionali del Paese: i sequestri che gruppi armati di varia natura conducono per finanziarsi con i pagamenti dei riscatti.

Stando ai dati della piattaforma di intelligence Sbm, sono 2.371 le persone sequestrate nei primi sei mesi del 2021, 13 al giorno. Di queste numerosi sono gli studenti e le studentesse, delle scuole pubbliche, private ma anche degli istituti religiosi. Ultimo in ordine di tempo, il rapimento di 72 allievi di un liceo della località di Kaya-Maradun, avvenuto a inizio mese, e conclusosi oggi con la liberazione degli studenti.

“Stiamo assistendo a una escalation della violenza”, denuncia Kóláwolé, di base a Lagos, la città più popolosa della Nigeria. Al netto della gravità della situazione, l’attivista denuncia che al momento “non c’è contezza dell’operato dell’esercito nella zona” e che quindi “non si può fare una valutazione dell’efficacia di queste misure”. Stando al quotidiano locale Nigerian Tribune, alcuni giorni fa l’esercito avrebbe arrestato cento sospetti banditi, ma le notizie che arrivano dalla regione non sono molte.

Secondo il vicedirettore, è chiaro che “l’impatto sulla popolazione civile è tale che è davvero difficile credere che questi provvedimenti possano rispondere ai principi di proporzionalità, necessità e legalità che informano il diritto internazionale”.

Secondo gli attivisti di Serap, i passi da fare per poter meglio affrontare la situazione devono essere di altra natura. “Abbiamo presentato una petizione alla Corte penale internazionale con sede all’Aia – dice Kóláwolé – chiedendo che il tribunale includa i rapimenti degli studenti nella sua giurisdizione come crimini contro l’umanità”. L’obiettivo della campagna di Serap è “far si che i responsabili e i complici di questi gesti vengano giudicati all’Aia”.

Secondo Kóláwolé, l’iniziativa “sembra il modo più efficace per mettere fine agli omicidi e alla chiusura delle scuole”, imposta anche in questi giorni in Zamfara per motivi di sicurezza, “che sono un grande violazione dei diritti di questi ragazzi”. Un modo per migliorare la condizione di regioni, secondo l’attivista, “caratterizzate da gravi lacune in fatto di accesso all’istruzione e al mondo del lavoro”.Sollecitato sulle ragioni di chi decide di arruolarsi in questi gruppi armati, che secondo alcuni analisti sono loro stessi vittime di un sistema assente, Kóláwolé è lapidario: “Nulla giustifica il fatto di prendere le armi e commettere un crimine”.
]]

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Gli attivisti in Nigeria: “Rapire gli studenti venga considerato un crimine contro l’umanità” proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento

Latest Posts

Le prime pagine dei quotidiani di Giovedì 23 Settembre 2021

LE PRIME PAGINE DEI QUOTIDIANI CORRIERE DELLA SERALA REPUBBLICAIL SOLE 24 ORELA STAMPAIL MESSAGGEROIL GIORNALEAVVENIREIL FATTO QUOTIDIANOIL MANIFESTOIL MATTINOIL SECOLO XIXIL GIORNOIL DUBBIOIL RIFORMISTALA DISCUSSIONECORRIERE...

Commercialisti, presentata a Napoli la lista “Cambiamo Insieme – Maurizio Corciulo Presidente”

In un incontro-dibattito è stata presentata ieri la lista “Cambiamo Insieme – Maurizio Corciulo Presidente” che si presenterà per le elezioni dell’11 e 12...

Longobardi (Fdi): “Necessaria una sinergia con le forze produttive” 

“La differenza tra la sinistra e la destra, passa attraverso una radicale contrapposizione di modelli culturali: loro inseguono il mito di una città antagonista,...

Gogliettino (Ancal): emergenza turismo, centralità delle politiche attive del lavoro

  Ministro Garavaglia: rimuovere le barriere che evitano l’incontro fra domanda ed offerta  “Il settore turistico, quale asset strategico per favorire lo sviluppo e la competitività...

Da Leggere

Dall’ipercinesia alla maniacalità, i bambini sono sempre più irrequieti

ROMA – “Abbiamo l’impressione che nella prima e nella seconda infanzia stia aumentando l’irrequietezza, questo anche per la maggior difficoltà del mondo degli adulti...

I giovani per Roma, Colalongo: “Ecco la mia idea di città”

ROMA – Quali sono le proposte, le idee e le soluzioni dei giovani che si candidano in politica? C’è una nuova generazione che vuole...

Toti: “No vax terrapiattisti contro il 5G? Problemi loro”

GENOVA – “Se c’è qualcuno che è convinto che dalle torri del 5G le multinazionali irradino il covid per poi sterilizzarlo col vaccino e...

Netflix ha acquisito la Roald Dahl Company: presto una serie sugli Umpa Lumpa

ROMA – Netflix ha acquisito la Roald Dahl Story Company (RDSC). Questa unione si fonda sulla collaborazione iniziata tre anni fa con la costruzione...

‘Dangerous Old People’, su Sky Saviano racconta i criminali dopo faide e carcere

ROMA – Cosa fanno i criminali dopo aver consumato la vita tra faide e decenni di carcere? Arriva la docu-serie Sky Original ‘Dangerous...