sabato, 9 Dicembre , 23

Dominium Dei di Ivo Mej, thriller storico che sconfina nel futuro

Potere, Chiesa, denaro, omicidi. Un intrigo che...

In libreria, “Il consolo” di Orsola Severini

La storia di un aborto terapeutico ambientata...

Comunali Firenze,Iv candida Saccardi: è spaccatura storica con Pd

Ufficializzata la sfida lanciata da Renzi a...

Blitz di Extinction Rebellion in 5 città, acque colorate di verde

Per “denunciare l’ennesimo fallimento politico dalle Cop28″Milano,...

Giffoni Good Games, quando il gaming diventa inclusivo

video newsGiffoni Good Games, quando il gaming diventa inclusivo

L’evento dedicato ai videogame tornerà anche nel 2024

Milano, 3 lug. (askanews) – Si è conclusa la prima edizione di Giffoni Good Games, l’evento prodotto da Giffoni Innovation Hub in collaborazione con Giffoni Experience, dedicato ai videogiochi e alla cultura interattiva, agli anime e alla pop, dove innovazione tecnologica ed espressione artistica e sociale si sono incontrate e hanno dato vita un’esperienza dinamica e coinvolgente. Sono state più di 7.000 le presenze che per due giorni hanno popolato la Multimedia Valley di Giffoni Valle Piana (Salerno), 40 gli ospiti di fama nazionale e internazionale tra cui Jean-Luc Sala, Art Director del prossimo Assassin’s Creed Mirage, Christian Cantamessa (da remoto), autore e regista di titoli come Red Dead Redemption e Grand Theft Auto, Fabio Viola, uno dei massimi esperti mondiali di gamification, Christian Pulieri, game developer e startupper, e Sarah Arduini, premio Oscar per i migliori VFX del film Jungle Book e docente della Side Academy.La prima edizione ha visto la partecipazione di 34 tra partner ed espositori distribuiti su 10.000 mq articolati in 8 aree tematiche dedicate alla condivisione e al divertimento e la presenza di 10 startup pronte a rivoluzionare il mondo del gaming. Il torneo “University Master” di 2Watch ha premiato i giovani universitari con una borsa di studio da 5.000 euro, Gl17ch ha fatto vivere le sue postazioni dedicate all’e-football, agli shooter e al racing competitivo.Per i più piccoli Maestre a Cubetti ha insegnato attraverso la VR i valori dell’agricoltura, PG Esports ha fatto rombare i motori di Rocket League con le finali del torneo. Side Academy ha organizzato workshop ed eventi formativi per i ragazzi che sognano di entrare a far parte dell’industria del gaming del domani, Crunchyroll ha vivacizzato l’evento attraverso maratone anime sul grande schermo.Il progetto culturale Creator District di Dario Moccia e Davide Masella ha coinvolto i principali creator italiani per un pool di panel unici, dalla storia delle mascotte videoludiche all’arte e game design. Inoltre il Tech and Fun Partner dell’evento Samsung, che da tempo ha abbracciato un percorso evolutivo ed innovativo nel settore tecnologico per essere al fianco delle nuove generazioni e offrire le migliori esperienze di gioco, nel suo Creator Lab, ha permesso a tutti gli appassionati presenti di esplorare l’avveniristica camera da gamer.Infine, Yamaha insieme a Crunchyroll, ha omaggiato i vincitori della partecipatissima gara Cosplay con il kit di prodotti perfetto per gamer e streamer.L’obiettivo di Giffoni Good Games è quello di promuovere i valori della sana competizione, della socialità, della condivisione e dell’interazione tra culture diverse che attraverso il gioco abbattono ogni barriera linguistica, culturale e sociale. Non è un caso che l’evento sia diventato un vero e proprio momento di promozione del ‘good games’, con creator come Virginia “Kafkanya” Gambatesa, che da anni sensibilizza la sua platea sui temi di cyberbullismo e discriminazione online, Giorgio “Pow3r” Calandrelli, uno degli streamer più seguiti d’Italia, ma anche Sabaku, Federico Frusciante, Vking, Matteo Corradini e Mattia “Victorlazlo88” Ferrari.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles