Festival Città Identitarie, a Potenza il mito Giancarlo Giannini

0
63
festival-citta-identitarie,-a-potenza-il-mito-giancarlo-giannini
Festival Città Identitarie, a Potenza il mito Giancarlo Giannini

Edoardo Sylos Labini: tre giorni straordinari, ora a Trino

Roma, 6 lug. (askanews) – Grande successo a Potenza per la prima tappa del Festival Città Identitarie, ideato e diretto da Edoardo Sylos Labini. La VIIedizione si è aperta con una serata-spettacolo dal titolo “Potenza nomen omen”, un modo per raccontare le radici di una città che ha saputo sempre rinascere, in un passato che riaffiora costantemente nel presente.Sul palco del CESAM Piccolo Teatro Sylos Labini ha condotto il pubblico in un intenso viaggio dentro i simboli identitari della città, accompagnato dall’incantevole voce di Arianna e dalle note della band diretta dal maestro Valeriano Chiaravalle, dall’ironia di Federico Palmaroli e #lepiubellefrasidiOsho.Edoardo Sylos Labini, direttore artistico:”Sono stati tre giorni straordinari, abbiamo raccontato tanti simboli di Potenza, da Ruggero Leoncavallo, a Maurizio Leggeri fondatore della Protezione Civile, sono arrivati dei grandi personaggi dello spettacolo e della cultura italiana, Giancarlo Giannini, legato a Lina Wertmuller, regista lucana, protagonistadi una serata e di una intervista incredibile. Poi tanti altri personaggi. Tanti ospiti e tanto successo”. Tra i monumenti simbolo della città raccontati dal famoso critico d’arte potentino Camillo Langone, il racconto di un altro simbolo, stavolta del calcio, ovvero Roberto Boninsegna, che con lo storico Potenza Calcio nella stagione 1964-1965 sfiorò la promozione in serie A. E ancora, il Premio La Città Sostenibile 2023 in memoria proprio del fondatore della Protezione CivileMaurizio Leggeri, consegnato alla famiglia dall’AD Asacert Fabrizio Capaccioli, e il Premio Artisti 2023 Art Now a uno dei pittori e scultori più rappresentativi del territorio, Nino Tricarico. Infine, l’omaggio speciale a una grandissima delcinema internazionale, Claudia Cardinale, indimenticabile interprete del film “Li chiamarono briganti”, ricordata sul palco dalla giovane attrice, nonché nipote, Francesca Luce Cardinale. Tre giorni di kermesse seguitissimi, e si guarda già alla prossima tappa:”Il prossimo appuntamento – ricorda Sylos Labini – è dal 21 al 23 luglio a Trino nel Vercellese, terra delle risaie e che ha dato i natali anche al grande Bolle. Come ospiti ci saranno Alessandro Sallusti, Luca Ward, il maestro Gabriele Lavia, Patrizia Mirigliani, e tanti altri ospiti, ci vediamo a Trino”. Inviati del 06/07/23 14:56 — Audio – Moc – Video città identitarie 00:00:00:00 20230706_video_14560269 00:00:00:00 00:00:00:00 00:00:00:00