martedì, Giugno 28, 2022

È morto Leonardo Del Vecchio, il creatore di Luxottica

ROMA – È morto questa mattina Leonardo Del Vecchio, aveva 87 anni. Il fondatore di Luxottica si trovava al San Raffaele di Milano dove...

ULTIM'ORA

Dal Pnrr 1,6 miliardi per cinque centri di ricerca nazionali su agritech, biodiversità e calcolo dei dati

ROMA – Cinque centri nazionali che partiranno grazie a un investimento complessivo di 1,6 miliardi di euro: aggregazioni di università, di enti e organismi...

Mascherine al lavoro, il Governo sulla linea della “forte raccomandazione”

ROMA – I lavoratori del settore privato dovranno continuare a indossare la mascherina? Giovedì 30 giugno è il giorno dell’incontro tra le parti sociali...

Covid, il sottosegretario alla Salute Costa: “I positivi asintomatici devono poter uscire di casa, con la mascherina”

ROMA – “Se vogliamo arrivare a convivere, io credo che un positivo asintomatico possa uscire, magari con l’utilizzo della mascherina, altrimenti il rischio potrebbe...

La storia della medicina senza sangue raccontata dal suo pioniere, il professor Alessio Pace

ROMA – Attraverso la voce di specialisti ed esperti l’agenzia Dire racconta la storia della medicina senza sangue in Italia: quarant’anni di vita dai...

Brezza, la fresella sembra pane ma…

 

I maestri panificatori del Panificio dei F.lli Rossetti continuano la tradizione

Dalle cose semplici si creano capolavori ed uno di questi è la meridionalissima fresella. Frise, frisedde e fresedde, a seconda delle diverse espressioni dialettali, sono piccoli gioielli della cucina del sud Italia preparati da sempre.

Leggenda narra che fossero state portate in Puglia da Enea al momento dello sbarco a Porto Badisco e da lì in poi le peculiarità di questo alimento, che ha la prerogativa di godere di una lunga conservazione, hanno fatto sì che questo diventasse una prelibatezza di punta della cucina cosiddetta “povera”.

Certi dell’importanza di continuare questa tradizione, i maestri panificatori del Panificio dei F.lli Rossetti, tra i campi di Brezza, si dedicano ogni giorno a questo tipo di lavorazione.

Anche se considerate un tipo di pane, e frisell, per dirla alla napoletana, in realtà sono un prodotto diverso da questo; preparate con farina, acqua e lievito come il pane, le frese necessitano, invece, di una doppia cottura per avere la giusta consistenza.

L’impasto, infatti, una volta lavorato, è modellato con una forma che viene leggermente schiacciata lungo l’asse centrale, per facilitare il taglio successivo e poi arrotolate su sé stesse, creando dei taralli con un foro centrale; questa forma caratteristica non è dettata da ragioni estetiche bensì da motivi pratici, perché in origine, le freselle venivano conservate dopo essere state infilate in una cordicella, le cui estremità erano legate tra loro come a formare una collana.

La preparazione è molto particolare; dopo una prima cottura, ancora calde, vengono tagliate a metà in senso orizzontale, per passare poi ad un secondo passaggio in forno che eliminerà ogni traccia di umidità nell’impasto.

La tradizione corre libera tra i campi di Brezza, che grazie al lavoro e alla dedizione di questi moderni custodi dell’antica arte del grano, sono inondati dal profumo di pane cotto, che sa di casa, di famiglia, di accoglienza.

Nelle sere estive, all’ombra dei platani, si assiste al rito della cena a base di ricche e condite freselle, in un ambiente conviviale, con una pietanza dal sapore deciso ed intenso. Un cibo semplice ma capace di creare un salto nel tempo, dove l’atmosfera che si vive è di cordiale complicità, impreziosita dalla rilettura moderna di calde notti estive di un tempo che fu, tra profumi inebrianti e canti inesausti di grilli.

Le freselle, come tutti i prodotti del panificio Rossetti, sono frammenti di una lunga storia culinaria familiare, fatta di aromi e sapori inebrianti, che raccontano un piacere del palato, legato a ricette antichissime tramandate in famiglia e che affondano la loro nascita nel silenzio di una madia, interpretazione di un alimento nato tra credenze e mito.

L’articolo Brezza, la fresella sembra pane ma… proviene da Notiziedi.

continua a leggere sul sito di riferimento

Latest Posts

Dal Pnrr 1,6 miliardi per cinque centri di ricerca nazionali su agritech, biodiversità e calcolo dei dati

ROMA – Cinque centri nazionali che partiranno grazie a un investimento complessivo di 1,6 miliardi di euro: aggregazioni di università, di enti e organismi...

Mascherine al lavoro, il Governo sulla linea della “forte raccomandazione”

ROMA – I lavoratori del settore privato dovranno continuare a indossare la mascherina? Giovedì 30 giugno è il giorno dell’incontro tra le parti sociali...

Covid, il sottosegretario alla Salute Costa: “I positivi asintomatici devono poter uscire di casa, con la mascherina”

ROMA – “Se vogliamo arrivare a convivere, io credo che un positivo asintomatico possa uscire, magari con l’utilizzo della mascherina, altrimenti il rischio potrebbe...

La storia della medicina senza sangue raccontata dal suo pioniere, il professor Alessio Pace

ROMA – Attraverso la voce di specialisti ed esperti l’agenzia Dire racconta la storia della medicina senza sangue in Italia: quarant’anni di vita dai...

Da Leggere

Comunali, oggi i ballottaggi. Si vota dalle 7 alle 23, le sfide principali

ROMA – È tempo di ballottaggi per le elezioni amministrative: domenica 26 giugno si vota nei Comuni con più di 15mila abitanti in cui...

Speranza: “A ottobre si riparte con i richiami del vaccino Covid”

ROMA – Mentre in Italia i casi di positività al Covid tornano ad aumentare, il ministro della Salute Roberto Speranza si proietta già a...

Russia, il patriarca Kirill scivola sull’acqua santa e cade: “Nessuna conseguenza”

ROMA – Piccolo incidente, senza conseguenze, per il patriarca Kirill. Il capo della Chiesa ortodossa russa, durante una funzione religiosa nella città di Novorossijsk,...

Torna il Palermo Pride: Beppe Fiorello ‘madrino’ e sfilata il 9 luglio

PALERMO – Sarà Beppe Fiorello il ‘madrino’ del Palermo Pride 2022. La manifestazione è stata fissata per sabato 9 luglio, con concentramento alle 16...

In Ecuador nativi in protesta: “La repressione non ci ferma”

ROMA – “La magnitudine della mobilitazione ha superato ormai quella del Paro nacional del 2019, e nonostante la repressione, le morti e la violenza...