Bonaccini: grazie a Figliuolo, vogliamo fare presto e bene

0
60
bonaccini:-grazie-a-figliuolo,-vogliamo-fare-presto-e-bene
Bonaccini: grazie a Figliuolo, vogliamo fare presto e bene

“So che ha compreso che qui c’è una gran voglia di fare”

Bologna, 3 lug. (askanews) – “Vogliamo fare presto e bene, due termini che non sempre si conciliano”. Eppure Tutte le parti sociali e gli amministratori hanno “richiamato l’esperienza del terremoto che qui ha visto fare presto e bene, in un rapporto virtuoso tra lo Stato, i vari governi, la Regione, le Province, i Comuni e le parti sociali”. Lo ha detto il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, al termine dell’incontro con il commissario straordinario per la ricostruzione dopo l’alluvione in Romagna.”Abbiamo lavorato fianco a fianco condiviso la stagione dell’era pandemica del piano vaccinale – ha detto Bonaccini -. Il fatto che ci conosciamo bene aiuta anche nel lavoro che dovremo fare. Ho detto al generale che per noi vale un principio: stare vicino ai cittadini, alle famiglie, alle imprese e ai territori dell’Emilia-Romagna ferita. Abbiamo fatto vedere le ferite non solo dell’alluvione in pianura ma anche delle frane o frane smottate in collina e in montagna”.”Ho molto apprezzato che il generale, ancora non formalmente nominato commissario, sia venuto già oggi qui e abbia utilizzato tanto del suo tempo non solo per sorvolare ma anche per incontrare e ascoltare amministrazioni locali e parti sociali – ha aggiunto il governatore -. Abbiamo consegnato a lui, come abbiamo fatto al governo, la stima complessiva dei danni circa 9 miliardi di euro senza i danni indiretti e anche le priorità a partire da 1,9 miliardo che riguardano migliaia di cantiere che bisognerebbe essere nella condizione di realizzare entro l’autunno per evitare che fenomeni ordinari non diventino straordinari”.”Ci siamo dati mandato di continuare a sentirci continuamente – ha concluso Bonaccini -. Attendiamo il decreto e vedremo che cosa ci darà il governo e quali saranno i poteri assegnati. La struttura commissariale attiva per il terremoto è a disposizione nel caso si volesse lavorare su questo”.