martedì, Giugno 28, 2022

Comunali, Calenda: “Noi essenziali in tante città, Letta? Il campo largo lo faccia con M5s”

ROMA – “I nostri voti sono stati essenziali in tante città, da Verona a Monza ad Alessandria, a Catanzaro. Segno evidente che c’è uno...

ULTIM'ORA

Covid, il sottosegretario alla Salute Costa: “I positivi asintomatici devono poter uscire di casa, con la mascherina”

ROMA – “Se vogliamo arrivare a convivere, io credo che un positivo asintomatico possa uscire, magari con l’utilizzo della mascherina, altrimenti il rischio potrebbe...

La storia della medicina senza sangue raccontata dal suo pioniere, il professor Alessio Pace

ROMA – Attraverso la voce di specialisti ed esperti l’agenzia Dire racconta la storia della medicina senza sangue in Italia: quarant’anni di vita dai...

Matacena (commercialisti): Revisori esperti per aiutare gli enti locali

Forum ad Aversa con Diego Musto, Eugenia Maisto, Mariano D’Amore, Francesco Capalbo, Alfonso Maria Cecere e Vincenzo Natale “I revisori degli enti locali svolgono un...

Roder (Global citizen): “Dal G7 ai poveri nessun aiuto, solo prestiti”

ROMA – “Per i sistemi sanitari e l’istruzione di tutti servono donazioni e aiuti pubblici, non prestiti né promesse di investimenti privati, per definizione...

Ageop: “Bimbi col cancro ma senza cure, succede anche alle porte dell’Europa”

BOLOGNA – Non serve andare dall’altra parte del mondo per trovare Paesi in cui terapie e cure non sono garantite ai bambini oncologici. Basta fermarsi “alle porte dell’Europa”, come nei Balcani. A testimoniarlo è Francesca Testoni, numero uno di Ageop, l’associazione dei genitori dell’oncologia pediatrica del Policlinico Sant’Orsola di Bologna, in un’intervista all’agenzia ‘Dire’. “Il nostro osservatorio è stato viaggiare nei Balcani- racconta Testoni- tutti i Paesi dell’ex Jugoslavia e dell’ex Unione Sovietica versano in condizioni disastrose. Non c’è bisogno di andare nell’altro emisfero. Abbiamo molto vicino a noi un Paese come il Kosovo, in cui non esiste un centro di oncologia pediatrica. Quindi i bambini del Kosovo o riescono a passare in Serbia o vanno da altre parti, oppure sono fuori”.

LEGGI ANCHE: Bologna pronta ad accogliere i piccoli malati oncologici di Kiev

In Bosnia, continua Testoni, solo “da poco c’è la possibilità di curare i bambini oncologici, ma fino a poco tempo fa Sarajevo non li prendeva e quelli che riuscivano andavano in Macedonia o in Serbia”. In altre parole, afferma la numero uno di Ageop, “non c’è bisogno di andare molto in là per capire che anche alle porte dell’Europa la situazione è drammatica. E comunque non sapremo mai i numeri, perchè non ci sono i registri in quei Paesi e i dati che emergono sono fin troppo ottimistici”. Oltre alla “mancanza di trattamenti e terapie”, afferma Testoni, il problema è “arrivare alla diagnosi. Non avere la possibilità di una diagnosi precoce, vuol dire arrivare tardi con le terapie e cambiare completamente la prognosi e le possibilità di vita” del bambino. In sostanza, “i cittadini che provengono da Paesi europei poveri, e quindi non hanno una reciprocità di pagamento tra i sistemi sanitari nazionali, non possono accedere alle cure dei Paesi ricchi d’Europa. Sono disguaglianze inaccettabili”.

A BOLOGNA SI CURANO BAMBINI CHE ARRIVANO DA MOLTI PAESI

Il Policlinico di Bologna accoglie per le cure molti bambini anche da altri Paesi. “Ma potrebbero essere anche di più- afferma Arcangelo Prete, responsabile della oncoematologia pediatrica del Sant’Orsola- se ci fosse più disponibilità in loco da parte delle autorità locali, che sono comunque sempre molto gentili con noi”. Dieci anni fa, ricorda Prete, quando l’allora ministro Frattini siglò un accordo col Venezuela, “calcolammo che il 32% dei pazienti curati nell’arco di cinque anni non era italiano”.

“NELLA PARTE DEL NORD DEL MONDO L’80% DEI BAMBINI MALATI DI CANCRO GUARISCE. AL SUD IL 20%”

La disugualianza tra nord e sud del mondo “è legata a problemi di accessibilità a cure e terapie, anche d’eccellenza- spiega il primario- al momento, nella parte nord del mondo l’80% dei bambini con patologia oncologica guarisce. Nel sud del mondo sono il 20%. In Italia sono circa 44.000 adulti che sono stati bambini con questi problemi, con un’età media di 30 anni. Questo dà la misura di quanto, anche da noi, sia recente la possibilità di innovazione e di accedere a nuovi farmaci o procedure d’eccellenza”. Progresso scientifico che “ha dato un impulso importante in termini di guarigione” ai pazienti. Nel sud del mondo, invece, “c’è innanzitutto una povertà strutturale importante- continua Prete- se non c’è una struttura, i bambini non vengono curati o non vengono curati in maniera ottimale. I problemi in questo campo sono tanti e possono apparire in maniera acuta”, ad esempio se “non c’è la possibilità di accedere a farmaci, trasfusioni o antibiotici e se non c’è un adeguato livello di competenza per le poche risorse che si hanno a disposizione”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Ageop: “Bimbi col cancro ma senza cure, succede anche alle porte dell’Europa” proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento

Latest Posts

Covid, il sottosegretario alla Salute Costa: “I positivi asintomatici devono poter uscire di casa, con la mascherina”

ROMA – “Se vogliamo arrivare a convivere, io credo che un positivo asintomatico possa uscire, magari con l’utilizzo della mascherina, altrimenti il rischio potrebbe...

La storia della medicina senza sangue raccontata dal suo pioniere, il professor Alessio Pace

ROMA – Attraverso la voce di specialisti ed esperti l’agenzia Dire racconta la storia della medicina senza sangue in Italia: quarant’anni di vita dai...

Matacena (commercialisti): Revisori esperti per aiutare gli enti locali

Forum ad Aversa con Diego Musto, Eugenia Maisto, Mariano D’Amore, Francesco Capalbo, Alfonso Maria Cecere e Vincenzo Natale “I revisori degli enti locali svolgono un...

Roder (Global citizen): “Dal G7 ai poveri nessun aiuto, solo prestiti”

ROMA – “Per i sistemi sanitari e l’istruzione di tutti servono donazioni e aiuti pubblici, non prestiti né promesse di investimenti privati, per definizione...

Da Leggere

Russia, il patriarca Kirill scivola sull’acqua santa e cade: “Nessuna conseguenza”

ROMA – Piccolo incidente, senza conseguenze, per il patriarca Kirill. Il capo della Chiesa ortodossa russa, durante una funzione religiosa nella città di Novorossijsk,...

Torna il Palermo Pride: Beppe Fiorello ‘madrino’ e sfilata il 9 luglio

PALERMO – Sarà Beppe Fiorello il ‘madrino’ del Palermo Pride 2022. La manifestazione è stata fissata per sabato 9 luglio, con concentramento alle 16...

In Ecuador nativi in protesta: “La repressione non ci ferma”

ROMA – “La magnitudine della mobilitazione ha superato ormai quella del Paro nacional del 2019, e nonostante la repressione, le morti e la violenza...

Salvini: “Sì al nucleare, la prima centrale fatela nella mia Milano”

ROMA – “Fatela nella mia Milano la prima grande innovativa centrale nucleare. La voglio nella mia zona a Baggio…”. Lo dice Matteo Salvini, segretario...

Università, cambia il test di accesso a Medicina: tutte le novità

ROMA – È disponibile il decreto che – per l’anno accademico 2022/2023 – definisce modalità e contenuti delle prove di ammissione ai corsi di...